martedì 26 febbraio 2013

Plankton Wat "Mirror Lake"

Dopo l'ingresso in casa Thrill Jockey, Dewey Mahood - già chitarra negli Eternal Tapestry e più recentemente visto assieme a Barn Owl e Jackie-O Motherfucker - finisce anche sul catalogo Sound of Cobra col suo progetto solista, avviato nel lontano 2001.
"Mirror Lake" si allontana dallo space rock lisergico della band madre per concentrarsi sulla terra: folk più bucolico che psichedelico, memore di John Fahey, Sandy Bull e di un'infanzia trascorsa nel nord rurale della California, risultato di improvvisazioni spirituali che si dipanano in lunghe, pacifiche cavalcate (l'overture Pastoral rejoice) intervallate da intermezzi più foschi e inquieti (Valley of dust and wind, The dark and silent hills), con le chitarre acustica ed elettrica accompagnate saltuariamente da percussioni, harmonium e spettri di voci. Scampoli di outer space solo nella sintetica Moonlight, l'episodio più alieno e più intrigante del lotto, sorta di Sun Araw impiantato su metronomici toni liquidi. Come da tradizione 12" onesided in edizione limitata.

(Sound of Cobra 2012)


Nessun commento:

Posta un commento