mercoledì 31 ottobre 2012

Fulk∆nelli "S/t"

Già incontrato mesi fa nella split tape con Ilia Belokurov e Ndriu Marziano, per il duo imolese arriva la prima release ufficiale in proprio, un cd-r in edizione limitata co-prodotto da Lemming, Offset e Blinde Proteus Records.

Il metallo e il legno del ricercato packaging trovano una voce nella lunghissima, iniziale Alambikko, il cui suono viene reiterato in maniera esasperante quasi a volerlo plasmare come fosse materia. Del resto il nome scelto dal duo, omaggio al misterioso alchimista francese, non è un caso. La batteria martellante di "Vulkan" Mongardi scandisce i movimenti della chitarra di "Helio" Naldi, tra contatti di pick-up, riverberi, feedback e tanta distorsione: a tratti geniale, a tratti esasperante. Meno esoterica Kompasso, un susseguirsi nevrotico di pentatoniche sbilenche che termina in un vicolo cieco di rumore digitale, trasmutato nel finale in una bordata doom. La terza e ultima traccia è programmatica sin dal titolo: Inkiostro è un liquido appiccicoso fatto di slides, toni bassi, tamburi e piatti che risuonano ovattati, un suono che via via si fa più denso e sporco tra echi sinistri e un drumming teso e indemoniato. Quella dei Fulk∆nelli è alchimia in musica, e come tale va per tentativi, aggiustamenti graduali, improvvisazioni: è naturale che a volte il gioco funzioni e altre no.

(Lemming / Offset / Blinde Proteus 2012)


Nessun commento:

Posta un commento