martedì 14 agosto 2012

Said Luminari "#1"

La mente delirante di Larry Luminari partorisce l'alter ego / gemello segreto Said Luminari, progetto solista dello jesino già leader dei noisers Paperoga. Un esordio che ha una weirdness diffusa come unico minimo comun denominatore: il simpatico tira e molla nonsense della intro Flaflullah lascia subito il posto a High kick / low punch, pregevole ossessione psycho elettronica in lo-fi, chitarre trattate e stridori di jack andati a male in un incedere tribale che rapisce, crescendo di percussioni che percussioni non sono. Dal folk pop sgangherato e minimale di Ying & Yang, Lisa!, chitarra acustica e voce, si passa poi all' harsh/noise rock di Entering | $ | escaping, chitarre sgozzate, assoli marci e palate di feedback lancinante proto-Wiese. Tre brani tre universi paralleli - leggi "che non si toccano". Con Klaus Kinsky e This is my Megazord torniamo in un incubo elettronico oscuro, library music minacciosa e oscura a dipingere l'apocalisse culturale in cui sguazziamo, così come nella conclusiva A, loop di chitarra, fruscii e percussioni sui pick up via via più ossessive. Ma prima del finale c'è posto anche per le nenie catatoniche di Definitive washing machine e soprattutto per Panjabi squirting, atmosfera conturbante a suon di scacciapensieri, sitar (?), percussioni, fruscii e fiati afro jazz in slow motion e ground-fi: il trip è completo.
Sgangherato e caotico, Said Luminari convince anche e soprattutto per questo, sfornando quella che finora è di gran lunga la sua miglior prova. Tanti gli applausi che si merita sul disco quante le perplessità che genera dal vivo, dove si tuffa a capofitto in un fango di rumore spesso mal gestito: non è il noise d'assalto dei Paperoga, qui è roba - e lo dice lui stesso - di cuffie in testa e THC nel cervello. Sistemato il discorso live, il gioco è fatto.

(Autoproduzione 2012)


Nessun commento:

Posta un commento